Casteldaccia: Celebrato oggi pomeriggio il primo Consiglio Comunale

0
3373

Oggi pomeriggio alle 18 si è svolto il primo consiglio comunale post-elezioni nella cornice del Baglio della Torre Duca Di Salaparuta.
All’ordine del giorno oltre al giuramento dei Consiglieri e del Sindaco, l’elezione del Presidente e del Vice-Presidente del Consiglio Comunale nonché la nomina della giunta.

Il Consiglio sarà formato da 16 Consiglieri suddivisi in due gruppi: la Maggioranza potrà contare su 11 consiglieri del gruppo “Per Casteldaccia” che ha scelto come capogruppo  Salvatore Montesanto e come Vice Angelina La Monica.
All’opposizione andrà invece il gruppo “Rinasca Casteldaccia” con 5 Consiglieri compreso il Candidato Sindaco Maurizio Nasca arrivato secondo alle scorse elezioni. Capogruppo sarà proprio lo stesso Nasca e come vice Angela La Spisa.

Presidente del Consiglio con 11 preferenze è stata invece eletta Maria Pia Di Salvo, consigliere di maggioranza e prima degli eletti alle scorse elezioni del 10 giugno; sempre con gli stessi voti (11 preferenze ndr) si accomoderà al suo fianco nelle funzioni di Vice-Presidente Carlo Ingenio, anch’egli appartenente al gruppo di maggioranza.

Successivamente il Sindaco, Giovanni Di Giacinto, ha proceduto al proprio giuramento e a nominare la giunta comunale, che sarà formata da Giuseppe Montesanto, Giuseppe Fricano, Giuseppe Piazza e Mariangela Tomasello.
Nei prossimi giorni saranno affidate le varie deleghe.

Si sono susseguiti poi vari interventi, il primo del Sindaco, che ha invitato alla pace sociale e a lavorare tutti insieme per il bene dei casteldaccesi, pur avendo trovato una situazione molto complessa all’interno del Comune.
Diretto, poi, è stato un inciso nei confronti dell’On. Davide Aiello, che nei giorni scorsi era intervenuto alla Camera sui presunti eventi che sarebbero accaduti durante le operazioni di voto del 10 Giugno sul presunto voto di scambio. Il neo-eletto sindaco ha chiesto infatti al deputato di rinunciare alla sua immunità parlamentare poiché sarebbe sua intenzione querelarlo per le frasi dette durante l’intervento alla Camera dei Deputati.

Si sono susseguiti poi vari interventi da parte dei consiglieri di opposizione Nasca e Guzzo che hanno rivendicato il proprio ruolo di proposizione e attenzione sull’operato della maggioranza, nonché di voler rappresentare quei più di 4.000 cittadini che hanno scelto di votare diversamente dalla maggioranza eletta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here