Giornate apocalittiche nel continente centro-americano dove al già annunciato uragano Irma che dovrebbe impattare tra poche ore col suolo americano si è aggiunto alle 06:50 (ora italiana) un devastante terremoto di Magnitudo 8.2 in Messico.

LA SITUAZIONE IN MESSICO: La scossa, di una intensità mai registrata in zona, ha letteralmente buttato giù dal letto più di 50 milioni di persone che l’hanno sentita in maniera molto distinta. Al momento le vittime confermate sono almeno 15. Successivamente al terremoto era stato diramato anche un allarme tsunami per il Messico, Panama, Nicaragua, Honduras, Ecuador, Guatemala e Costa Rica, poi fortunatamente rientrato. Al momento fortunatamente non si hanno notizie di altri morti, ma la situazione è ovviamente in continua evoluzione e gli sfollati saranno milioni.

URAGANO IRMA, LA SITUAZIONE IN USA: Al momento il vortice è in azione su Cuba, dove la popolazione sta cercando, come può, di trovare riparo e contrastare l’uragano di Categoria 5. Ma le infrastrutture fragili e deboli del Paese fanno presagire che resteranno soltanto un cumulo di macerie.
Negli Stati Uniti sono letteralmente state prese d’assalto tutte le autostrade che portano fuori dalla Florida, chiuse le scuole e tutti gli uffici pubblici. Momenti di tensione anche all’aeroporto di Miami che è stato preso d’assalto da migliaia di persone in preda al panico che cercavano disperatamente un volo per andare via. Al momento non si hanno notizie dettagliate dal punto di vista meteorologico, ma sembra che comunque il vortice stia diminuendo di intensità e dovrebbe non impattare con la Florida e quindi con la costa Est degli stati Uniti, ma spostarsi più verso la zona centrale degli Stati Uniti.
Secondo le prime reazioni della comunità scientifica, il forte innalzamento della temperatura del globo sarebbe la causa di uragani sempre più forti e devastanti come quello in azione.

TEMPESTA SOLARE IN CORSO: Ad aggiungersi a tutta la situazione descritta in precedenza, una tempesta solare di forte entità sarebbe in azione già da almeno 3 ore e che ha messo k.o le comunicazioni nelle frequenze HF e in quelle di tipo militare. Non dovrebbero esserci invece conseguenze per i dispositivi di uso comune e per le connessioni internet. La tempesta dovrebbe esaurirsi nella prossima ora.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here