Perché il referendum catalano è illegale

0
829

Il referendum che si è tenuto in Catalogna ieri non può non essere illegale. O almeno non può non essere contrario all’ordinamento giuridico spagnolo. Attenzione, questo non vuole essere un giudizio di merito sul quesito del referendum, cioè se la Catalogna debba essere o meno indipendente dalla Spagna. Si parla, piuttosto, dello strumento con il quale il popolo catalano – se così possiamo definirlo – intende perseguire ed ottenere l’indipendenza.

Uno Stato, come la Spagna, è tale se è costituito da tre elementi essenziali: sovranità, popolo e territorio. Uno Stato, inoltre, si dota di un ordinamento giuridico, ossia di un insieme di regole, fatte valere anche con la forza (sovranità), che servono a regolare la vita di un popolo all’interno di un territorio. Se viene meno anche solo uno di questi elementi essenziali, lo Stato semplicemente smette di esistere. Da qui si capisce la ragione per la quale gli Stati storicamente reprimono i movimenti indipendentisti o secessionisti: tendono a preservare se stessi e la loro esistenza. In quale ordinamento giuridico degno di questo nome potrebbe essere previsto un modo pacifico affinché una porzione significativa di territorio dello Stato raggiunga l’indipendenza? In nessuno. E’ come se la Spagna remasse contro se stessa e agevolasse la propria dissoluzione!

In verità non esiste un modo pacifico in cui una collettività raggiunge l’indipendenza da uno Stato che percepisce come straniero, come tiranno, e questo lo dimostra la storia. Perché l’indipendenza è strettamente connessa alla sovranità, anzi ne è il vero contenuto. Uno Stato è sovrano soltanto quando non riconosce entità superiori a se stesso, quindi quando non dipende da nient’altro. Adesso pare il caso di notare che la sovranità non è altro che il potere, la possibilità di imporre il proprio volere anche ricorrendo all’uso della forza. E quando si tratta di capire a chi o a cosa debba essere attribuito il potere, certamente questa attribuzione non può avvenire in modo pacifico, non in un tribunale internazionale – come alcuni auspicano. E’ la storia che ci dimostra che non è così.

L’indipendenza e, quindi, la sovranità vanno conquistate. Lo strumento per raggiungerle non è il referendum, ma la lotta, che può essere di vario tipo: bellica, economica, politica. Questi strumenti “alternativi” sembrano essere, a detta di alcuni, delle foglie di fico, dei feticci di democrazia, trovate per distogliere le masse dai veri problemi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here