Il Castello Salaparuta ospita la mostra di Emanuele India

0
501

Iniziata il 31 agosto presso il Salone del Castello del Duca di Salaparuta a Casteldaccia, domani – 3 settembre – terminerà la mostra d’arte “Ex tenebris, lux” di Emanuele India, artista siciliano famoso per aver rimesso in valore tecniche artistiche ormai quasi dimenticate come la lavorazione della pelle animale, del legno, dell’oro zecchino e dei pigmenti.

Grazie alla conoscenza profonda delle tradizioni artistiche e culturali siciliane, acquisita durante la sua esperienza di restauratore di libri antichi, Emanuele India è riuscito, a partire dalle antiche tecniche e passando attraverso tutti gli stili artistici che hanno interessato la storia della nostra isola, a creare nuovi linguaggi per descrivere e rappresentare una bellezza mai fine a se stessa, ma sempre simbolo di rinascita, di nuova luce.

La mostra, organizzata dall’Amministrazione casteldaccese nella persona del Dott. Amato, vuole essere la sintesi di un lavoro volto a riportare l’arte a Casteldaccia, un’arte che però susciti emozioni e che resti impressa nell’animo umano – come si legge nella brochure della mostra. A confermare è stato proprio il primo cittadino Giovanni Di Giacinto, in quale, durante l’inaugurazione della mostra, ha avuto modo di affermare che la mostra è un segnale dato alla comunità teso a far capire che si intende ripartire dal Castello Salaparuta, dalla sua storia e renderlo non solo centro politico-amministrativo del Comune, ma anche artistico e culturale.

Così facendo, e proseguendo seriamente su questa strada, il Comune di Casteldaccia si porrebbe come una delle poche istituzioni del circondario a legare a doppio filo sviluppo economico del territorio e politiche culturali; per altro, non intese come la mera organizzazione di eventi in piazza o per strada privi di ogni contenuto pedagogico e in cui l’ente non è altro che un dispensatore acritico di risorse finanziarie. In definitiva l’inizio di questo percorso è buono, ma – appunto – è solo l’inizio: dobbiamo avere la pazienza di vedere se questa strada continuerà ad essere percorsa dall’amministrazione durante tutti i cinque anni del suo mandato.

La conclusione della mostra si inserirà domani in un contesto ben più ampio, cioè quello relativo alla commemorazione del 36° anniversario dell’uccisione del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Si terrà infatti presso il Salone del Castello, alle 19.30, l’ultima visita alla mostra di Emanuele India che si concluderà con un rinfresco a buffet, al quale seguirà giù nel Baglio della Torre la proiezione dell’ultimo film della rassegna cinematografica Al Baglio dei Vini, “Cento giorni a Palermo” (regia di Giuseppe Ferrara e sceneggiatura di Giuseppe Tornatore), la cui presentazione verrà curata dal Prof. Mimmo Aiello.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here