Intervista al candidato all’ARS Giovanni Di Giacinto.

0
856

Ciao Giovanni. Potresti spiegare ai lettori di Siculum qual è stato il motivo a spingerti alla candidatura in queste elezioni regionali?
Ho deciso di candidarmi in quanto credo che durante questi cinque anni da deputato regionale ho svolto un buon lavoro, occupandomi di alcuni progetti in ambito della sanità, delle attività produttive e della semplificazione amministrativa. Inoltre, sono riuscito a bloccare la fusione Cas-Anas che avrebbe portato a far pagare i caselli autostradali a tutti i siciliani. Vorrei continuare a lavorare su questa scia e mi auguro che con un Presidente diverso si possa fare un lavoro migliore.

Perché hai scelto Fabrizio Micari come candidato Presidente? Quali qualità vedi in lui?
Ho scelto di sostenere Micari come Presidente perché lo vedo come unica novità di questa campagna elettorale, diverso da Cancelleri e Musumeci, che sono già stati candidati e sconfitti. Ritengo inoltre che sia una persona molto strutturata dal punto di vista della preparazione e non potrebbe essere altrimenti visto che è il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo.

Di quali progetti intendi farti promotore una volta eletto deputato regionale?
Intanto vorrei continuare le battaglie iniziate durante questa legislatura, soprattutto quella riguardante la semplificazione amministrativa, perché riuscirebbe a portare investimenti in Sicilia senza che questi vengano ostacolati da impedimenti burocratici., che non agevolano gli imprenditori e che spingono i giovani ad andare all’estero a cercare lavoro.
Inoltre, credo che la Sicilia abbia il dovere di puntare sul turismo, sulle energie alternative e sull’agricoltura.

Hai delle particolari proposte che riguardano le problematiche giovanili?
Noi dobbiamo cercare di tenere i nostri giovani qui in Sicilia. Pensate che io ho scritto la norma sulle start-up innovative, ma purtroppo il Presidente Crocetta non ha attivato tutte queste misure.
Penso che sarebbe importante creare delle norme che consentano ai giovani di accedere al credito in maniera agevolata e in più bisogna consentirgli di fare attività produttive, per fargli capire che il lavoro viene dalle loro idee e non da chi li prende in giro promettendogli posti fissi alla Regione o al Comune.

Cosa pensi possa contribuire a migliorare la situazione economica in Sicilia?
Serve uno sforzo da parte di tutti: principalmente della politica, in quanto deve fare investimenti per far aumentare il PIL, per esempio sui trasporti stradali e sui trasporti marittimi; dei cittadini, in quanto devono sforzarsi di non farsi prendere in giro e di non credere al primo che arriva, ma capire e sposare i veri progetti per dare un taglio al passato.

Un breve messaggio in cui spieghi agli elettori perché dovrebbero votare proprio te!
Dovrebbero votarmi perché: in cinque anni sono stato il più presente all’ARS, essendomi assentato solo due volte a causa di febbre alta; ritengo di essere una persona preparata a ciò che faccio; sono una persona comune, non sono mai diventato il deputato che guarda dall’alto in basso perché penso che chi fa politica debba essere al servizio della gente e io lo sono.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here